Spaghetti in cono

Chi l’avrebbe mai detto che gli spaghetti non potessero diventare “street-food”.

L’idea non è americana ma italiana. A pensarci è stato Emanuele Attala cuoco e proprietario (insieme a Ettore Pardossi e Giovanni Gentile) di Spaghetti Incident.
Il tutto è nato come esperimento e scommessa di servire gli spaghetti dentro un cono di carta, proprio come facevano gli italiani negli anni 50 durante alle sagre di paese.

Il cono è di cartone doppio strato per evitare che il condimento goccioli sulle mani.
Si possono scegliere 4 tipi di spaghetti (De Cecco la più famosa) e nove sughi diversi (tra cui amatriciana, ragù, carbonara e una rivisitazione del pesto genovese). I prezzi variano tra i 9 e i 12 dollari

Per i più esigenti si trovano spaghetti alla chitarra, con mozzarella, pomodoro fresco e basilico (con prezzi tra gli 8 e i 12 dollari)

Ma perchè non provarci anche in Italia?

SpaghettiCono

Vasto Beer Festival

Dal 30 luglio al 1 agosto 2015 presoo il Lungomare E. Cordella di Vasto Marina (Abruzzo) si terrà la prima edizione del “VASTO BEER FESTIVAL”.

L’evento, oltre alla birra, propone buon cibo, tradizione, musica e arte. Anche i più piccoli troveranno intrattenimenti con stand riservati a giochi e laboratori per i bambini.

La partecipazione all’evento prevede l’acquisto di bicchiere in vetro firmato VASTO BEER FESTIVAL e il cambio di gettoni del valore di 3 Euro cad.
I gettoni potranno essere utilizzati per le degustazioni dei birrifici e dello street food.

Le birre artigianali saranno rigorosamente made in Abruzzo con alcune incursioni in Molise e Lazio.

I birrifici presnti: OPPERBACCO, BIRRIFICIO MAIELLA, BIBIBIR, MEZZO PASSO, DONKEY BEER,  BIRRIFICIO LA FUCINA, CROCE DI MALTO, BIRRA DEL BORGO, BIRRADAMARE

www.vastobeerfestival.it/

Beer_1

Frigorifero o no?

C’è un dibattito in corso sul sito di ricette Food52, ed è a proposito dell’uso del frigorifero per conservare il burro o altri ingredienti.

Frigo o non frigo? Il frigo aiuta o no? Il sapore cambia in meglio o in peggio? Questo è il dilemma. Il burro lo vogliamo soffice al punto giusto, non da frigo, quindi è propio necessario conservarlo in frigo?

E che si dice a proposito della frutta? O delle uova? Meglio conservate in frigo o no?

Bè la prima regola è quella della freschezza, o meglio, comperato al meglio e mangiato al più presto, ma se necessario, ecco un vademecum su cosa conservare in frigo o no.

Uova: meglio in frigo. La salmonella è in agguato e prolifera sopra i 4 gradi celsius. Durano molto di più se refrigerate, anche 5 settimane. Quando le usate per impastare, tuttavia, è meglio levarle dal frigo un’oretta prima di usarle.

Mele: meglio in frigo se pensate di non consumarle entro una settimana. Tenetele separate dall’altra frutta o vegetali, in quanto l’etilene emesso dalle mele ne velocizza in processo di maturazione.

Pesche, albicocche, prugne: fatele, maturare fuori al punto giusto e poi riponetele in frigo. Se le mettete in frigo subito, il freddo ne blocca la maturazione e diventeranno di una consistenza poco piacevole.

Noci, nocciole, mandorle: frigo o freezer. Durano per un anno, verso pochi mesi a temperatura ambiente. Il contenuto molto basso di acqua ne favorisce la conservazione nel freezer senza peraltro surgelare.

Burro: il burro è composto per circa 80% di grasso animale. Quello fatto con latte pastorizzato dura ovviamente di più, se conservato a temperatura ambiente, così come il burro salato dura più a lungo di quello non salato. Vista la sua composizione il burro tende a degradare molto lentamente e, se conservato a temperatura ambiente in un contenitore ermetico, può durare anche due settimane quando salato e da latte pastorizzato.

Salsa di soia, Fish sauce: refrigerate durano più’ a lungo e rimangono più’ fresche.

Farina e farina integrale: frigo o freezer aiutano molto. Specialmente con la farina integrale che dato il contenuto di grassi e crusca tende ad irrancidire molto in fretta.

Erbe fresche: tutte in frigo, dure e soffici, eccetto il basilico. Le erbe dure vanno avvolte in carta bagnata e messe in un sacchetto di plastica per essere refrigerate, come rosmarino, timo, ecc. Quelle soffici come prezzemolo, coriandolo o basilico vanno conservate con i gambi immersi in un vaso di acqua che va cambiata spesso. Tutte eccetto il basilico vanno poi messe in un sacchetto di plastica e poi refrigerate. Il basilico mal sopporta il freddo e tende a diventare nero.

Ricette Tiramisù

Fonte: SalePepe.it

Il tiramisù è il dolce italiano più conosciuto ed apprezzato al mondo.

Nel 1970 Roberto Loli, cuoco e pasticcere, comincia a lavorare presso il ristorante Alle Beccherie di Treviso. Proprio in questo ristorante trevigiano dà vita al “Tiramesù”, successivamente italianizzato in Tiramisù. Sembra che l’idea sia venuta da un ricordo di infanzia dove nella tradizione contadina veneta si era soliti dare ai bambini un tuorlo d’uovo sbattuto con lo zucchero. “lo sbatudin”, considerato un vero e proprio ricostituente.

La rivista Sale&Pepe lo propone in versione originale e in altre gustose varianti.

www.salepepe.it/tecniche-base/come-fare/come-fare-il-tiramisu

wpid-wp-1437226827696.jpeg

Nuovo anno accademico per Accademia Marchesi

Giovedì 9 luglio si è tenuta a Milano la presentazione ufficiale del nuovo anno accademico dell’Accademia Gualtiero Marchesi.
Si tratta del penultimo ciclo di lezioni che la scuola terrà nella sede milanese prima del trasferimento nel 2017 alla sede di villa Mylius nei pressi di Varese. A villa Mylius confluiranno le attività della Accademia e l’intera biblioteca di lavoro di Gualtiero Marchesi (centinaia di volumi di cucina raccolti in tutta una vita)

Marchesi nel corso della presentazione  ha ribadito il suo pensiero ricordando come il mestiere di cuoco si può esprimere in tre momenti fondamentali: Il cuoco è prima di tutto un “esecutore” che partendo da una conoscenza perfetta delle tecniche di cucina e della materia prima può arrivare ad assumere il ruolo di “compositore”. Viene poi il terzo livello dell'”artista” ovvero di colui che ha la capacità di trasformare le proprie composizioni in “opere d’arte”.

Il sito dell’Accademia: www.accademiamarchesi.it

Marchesi