Rist, reinventa le recensioni dei ristoranti.

Fonte: StartUpItalia.eu

Rist è una applicazione dedicata agli amanti del cibo che dovrebbe risolvere i problemi di affidabilità delle recensioni dei concorrenti TripAdvisor e Zomato.

Si tratta di un vero e proprio social food dove non troveremo recensioni false e recensioni di utenti sconosciuti. La differenza principale tra Rist ed i suoi concorrenti è che le recensioni, come in un buon social network, sono quelle dei tuoi amici rendendo più affidabile il giudizio del ristorante.
Per rendere ancora più affidabile le recensioni è stato dato molto spazio alle foto ed ai video con la possibilità di aggiungere commenti o hashtag e di abbinarle ad icone specifiche che descrivono il ristorante (come ad esempio il tipo di cucina, la fascia di prezzo…).

La Startup è nata a Milano dalle menti di Luigi Lanzilli, Davide Pezzo e Antonio Severino, che insieme hanno dando vita a questo nuovo social food che non solo consente di scoprire nuovi ristoranti e di crearsi la lista dei preferiti, ma anche di crearsi delle personalissime “wishrist” dei ristoranti da provare.

Per il momento è disponibile solo per iPhone, ma mi auguro presto di vederela anche su Android. Nel frattempo non ci resta che scaricarla ed iniziare a recensire e condividere con i nostri amici.

Per maggiori info: blog.theristapp.com

The Rist App

Rist, reinventa le recensioni dei ristoranti.

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Braun presenta Italian Fusion

Italian fusion, un viaggio nel gusto. Food trip serie con protagonista lo chef Filippo La Mantia.

Si tratta di una serie pensata e studiata per il Web, sponsorizzata da Braun e prodotta da Shado.
Il celebre cuoco Filippo La Mantia viaggia, in sella alle sue moto, alla ricerca delle tradizioni gastronomiche delle differenti regioni italiane.

Un tour durante il quale vengono scoperte le bellezze paesaggistiche, le migliori materie prime. Ci sono inoltre gli incontri con la gente del luogo per carpire i loro segreti in cucina o per scoprire tramite la loro voce diretta abitudini ed usanze locali.

In ogni puntata, Filippo La Mantia dà consigli e cucina utilizzando gli ingredienti caratteristici dei luoghi visitati, rielaborati e mixati grazie all’uso del Minipimer Braun Multiquick 9, il primo al mondo con ACTIVEBlade Technology (tecnologia che riduce lo sforzo al minimo facendo oscillare
verticalmente le lame quando incontrano un ostacolo).

Sul sito sono presenti le prime 3 puntante dove sono state visitate:

  1. San Vito lo Capo (Sicilia).
  2. Trezzano sul Naviglio (Lombardia).
  3. Peschiera del Garda (Veneto)

Per seguire le puntate andate su italianfusion.it

Italian Fusion

 

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

San Daniele aiuta Norcia

San Daniele aiuta Norcia,  fonte: food24.ilsole24ore.com

Il 30 Ottobre Norcia è stata colpita dal terremoto, che oltre a migliaia di sfollati ha provato gravissimi danni all’arte e all’economia dell’appennino Umbro.

A Norcia e nei paesi limitrofi si produce il famoso prosciutto crudo IGP di Norcia (indicazione geografica protetta). Il Friuli, che ben conosce le conseguenze di un terremoto,  ha deciso di aiutare le aziende colpite accogliendo nelle aziende di produzione del prosciutto crudo San Daniele circa 60 mila coscie del prosciutto di Norcia.

Per effettuare l’operazione, trattandosi di IGP, è stato fatto un decreto dal ministero delle politiche agricole per modificare temporaneamente il disciplinare del prosciutto di Norcia. Sol dopo l’approvazione ministeriale le coscie potranno essere spostate dall’appennino Umbro al Friuli.

Tanto di cappello al grande cuore dei Friulani.

Photo credit: Lorenzo L M. via Foter.com / CC BY-NC-ND

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Ferrero e la crociata a favore dell’olio di palma

Fonte: ilfattoalimentare.it

Sull’Olio di Palma se ne è parlato tantissimo nell’ultimo anno, sulla sua perocolosità per l’ambiente e sopratutto per la salute. Finalmente abbiamo inizato a vedere nelle confezioni dei prodotit a cui siamo affezionati la dicitura “Senza Olio di Palma”, un piccolo passo verso una maggiore coscienza sulla qualità dei prodotti che compriamo e che mangiamo.

Negli ultimi giorni però abbiamo assistito alla crociata di Ferrero a favore dell’Olio di Palma che sembra essere diventato ad un tratto innocuo per ambiente e salute. Ma perchè? A cosa dobbiamo credere?

Vi invito alla lettura di un interessanete articolo sull’argomento, pubblicato da ilfattolimentare.it al seguente link

olio di palma

 

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Per mangiarti meglio

Fonte: Per mangiarti meglio – Slow Food Editore

I bambini sono un pubblico molto difficile per l’editoria gastronomica. Difatti non è per niente facile trovare bei libri sul tema dell’educazione alimentare che siano di loro interesse.

Qualche giorno fa, attraberso un tweet di Slow Food, ho scoperto la collana di libri “Per mangiarti meglio” di Slow Food Editore. Si tratta di 5 libri a tema scritti per i più piccoli. Ben scritti e illstrati, attraverso storie, giochi ed esperimenti insegnano ai bambini a divetare dei veri degustatori.

  • Il formaggio: scritto da Marco Tomatis ed illustarto da Cinzia Ghigliano racconta 2 storie. Una storia su Riccardo, un bambino che sa fare il formaggio. Ed una sul formaggio, le sue forme e le sue origini.
  • Il cioccolato: scritto da Sara Marconi e illustrato da Simone Frasca è la stora di Marta e dello zio Ugo. I due intraprenderanno un lungo viaggio per rintracciare le origini del cioccolato seguendo le tappe che trasformano strani semi biancastri nel cioccolato che tutti conosciamo.
  • Fame di pane: scritto da Giusi Quarenghi e illustrato da Daniela Villa. Questo libro racconta la storia del pane e di come si è evoluto nel tempo.
  • Il miele: scritto da Francesca Valente  e illustrato da Benedetta Giaufret e Enrica Rusinà. Questo libro racconta la storia di Ludmilla e della sua scoperta sul mondo delle api e di come nasce il miele.
  • L’orto: scritto e illustrato da Emanuela Bussolati racconta la storia di un’orto in una reggia tra dame, cavalieri, generali, guerre e cannoni. Ma un un piccolo orto può crescere anche in un piccolo balcone.

Per maggiorni info vi consiglio di visitare il sito uffiale dove potrete trovare anche giochi e contenuti per i vostri bambini www.permangiartimeglio.it

Per mangiarti meglio

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Hostaria, Festival del Vino a Verona

Festival del Vino a Verona il 14,15,16 Ottobre 2016

Dopo il successo dell’anno scorso, 12.000 partecipanti e oltre 20.000 visitatori,  il progetto Hostaria si ripropone anche quest’anno.

Hostaria è una manifestazione popolare del vino nata per promuovere le produzioni vinicole veronesi (zone di produzione di Valpolicella, Soave, Bardolino, Custoza, Lugana, Durello). Nel centro storico della città di Verona verrà allestito un percorso di 3 chilometri dove il pubblico partecipante potrà degustare i vini delle cantine presenti accompaganti dalle specialità gastronomiche proposte dalle grandi “hostarie” e “sbecolerie” lungo tutto il percorso.

Il percorso di degustazione è riservato ai maggiorenni con un costo di biglietto di 20 euro che comprende 10 degustazioni di vino. Per risparmiare si può acquistare il biglietto on-line al costo di 15 euro.

Come nel 2015 è stata riservata molta attezione ai disabili, per i quali è stato testato il percorso dai redattori di Dismappa (portale giornalistico sensibile alle esigenze di disabili motori che si muovono in carrozzina).

I bambini troveranno in Piazza Erbe un’area a loro dedicata, con la merenda “naturale” offerta gratuitamente dal partner Rigoni di Asiago ed i giochi Ludobus con l’Associazione Rido Ridò.

Per maggiorni info vi invitiamo a consultare il sito ufficiale della manifestazione: hostaria.com

Hostaria Verona 2016

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook