Terza edizione di Fragolosa, sagra delle fragole

Terza edizione di Fragolosa, sagra delle fragole Cassina de’ Pecchi (Milano).

ll 13 e 14 Maggio torna l’appuntamento con Fragolosa, evento patrocinato da Regione Lombardia e Città Metropolitana di Milano. Un evento pensato, organizzato e realizzato a Cassina de Pecchi per la prima volta nel 2015 grazie alla collaborazione tra l’Assessorato al Commercio e al Marketing Territoriale del Comune di Cassina de Pecchi, i commercianti cassinesi, i produttori agricoli del territorio, le realtà associative locali e alcuni cittadini volenterosi.

La scorsa edizione ha visto un successo in termini di partecipazione con la presenza di più di 10 mila persone che hanno visitato l’evento in un solo giorno.  Quest’anno la sagra raddoppia con il “FuoriFragolosa” una serie di eventi che si svolgeranno durante il Sabato 13 Maggio. Durante tutte le giornate si alterneranno sul palco associazioni, musica e divertimento. Inoltre un pulmino porterà i visitatori alla scoperta delle coltivazioni di fragole.

Non mancherà l’area food dove si potrà assaporare il delizioso risotto alle fragole o degustare uno dei prodotti offerti dagli street food presenti.

Alle 16,30 di Domenica, showcooking speciale con la vincitrice di Bake Off Italia 2016 Joyce Escano, che presenterà anche il suo libro di ricette “Bake Off Italia- Dolci Occasioni”.

Fragolosa è anche Solidarietà: infatti per tutta la durata della sagra verranno proposte iniziative a sostegno del progetto “Martina e Roberta welfare di comunità” che si propone di sostenere economicamente fino alla maggiore età due nostre giovani concittadine colpite da un grave lutto che ha scosso la nostra comunità.

La festa è raggiungibile tramite metropolitana verde M2 fermata Cassina de’ Pecchi.

Per qualunque informazione si può consultare il sito fragolosa.net o scriverci alla mail info@fragolosa.net

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Don Tannino, sapori della Svizzera a Milano

Se siete a Milano e volete deliziare il vostro palato con prosciutti e formaggi Svizzeri di ottima qualità l’enoteca Don Tanino è il posto giusto.

Naturalemte anche vino e buonissime torte fatte in casa. La cantina offre un’ampia varietà di etichette vinicole sia italiane che internazionali e fresche birre artigianali, che possono essere accompagnate,  oltre che da taglieri, da pizze, bruschette, risotti, primi di pasta e sfiziosi secondi.

Non mancano inoltre gli sushi, dolci tartufi e fresche ricottine da gustare assieme a delicate salse da accompagnamento.

Elegante e rusticheggiante, il Bistrot accoglie  i suoi ospiti in un’atmosfera allegra e informale, perfetta per un aperitivo o una degustazione di vini e specialità della tradizione, in piacevole compagnia.

Aperitivo degustazione dal lunedì al sabato a scelta:

  • Degustazione di vini con tagliere per 2 persone a 19,90 € invece di 60€
  • Degustazione di vini con tagliere per 4 persone a 34,90 € invece di 120€

La degustazione comprende: poker di bruschette (ogni 2 persone) tagliere con salumi e formaggi dop Galloni (ogni 2 persone) 3 calici di vino: Rosso Barolo Ciabot Berton del Comune La Morra, Bianco Vermentino  toscano Maremma Alta, Prosecco doc Perini San Giovanni un litro d’acqua (ogni 2 persone). Il coperto è incluso.

Don Tannino, Via montebello 25 a Milano Brera

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Fico di Bologna, il luna park del cibo

Fico, il luna park del cibo

Ad Ottobre 2017 aprirà a Bologna FICO (Fabbrica Italiana Contadina), il parco agroalimentare più grande del mondo che ospiterà artigiani, cibo di strada e chef stellati.

Un’altra creazione del patron di Eataly, Oscar Farinetti.  Il parco sarà una vera e propria arca di Noè per tutelare, conservare e far conoscere il top del settore alimentare italiano. Due ettari con più di 40 fabbriche che produrranno dal vivo i loro prodotti: pasta, salumi formaggi, ortaggi, carne, pesce, pane, vino e birra.  Non mancheranno luoghi di ristoro, botteghe, mercati, aule didattiche, fattorie e un centro congressi. L’associazione Le Soste e lo chef Enrico Batolini porteranno il meglio della cucina italiana in un’area ristoro che sarà il cuore del parco.

Un paradiso agroalimentare che ha lo scopo di portare ogni anno due milioni di tutisti stranieri e italiani e più di 500 mila sudenti.

Cosa troveremo? Per esempio i chioschi della porchetta, degli arrosticini, della piadina o degli street food, il prosciutto San Daniele, la mortadella Igp, e l’area Barbeque curata dal Mercante delle spezie di Torino…

Per maggiorni info vi invitiamo a consultare il sito ufficiale: eatalyworld.it

Fico di Bologna, il luna park del cibo

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Rist, reinventa le recensioni dei ristoranti.

Fonte: StartUpItalia.eu

Rist è una applicazione dedicata agli amanti del cibo che dovrebbe risolvere i problemi di affidabilità delle recensioni dei concorrenti TripAdvisor e Zomato.

Si tratta di un vero e proprio social food dove non troveremo recensioni false e recensioni di utenti sconosciuti. La differenza principale tra Rist ed i suoi concorrenti è che le recensioni, come in un buon social network, sono quelle dei tuoi amici rendendo più affidabile il giudizio del ristorante.
Per rendere ancora più affidabile le recensioni è stato dato molto spazio alle foto ed ai video con la possibilità di aggiungere commenti o hashtag e di abbinarle ad icone specifiche che descrivono il ristorante (come ad esempio il tipo di cucina, la fascia di prezzo…).

La Startup è nata a Milano dalle menti di Luigi Lanzilli, Davide Pezzo e Antonio Severino, che insieme hanno dando vita a questo nuovo social food che non solo consente di scoprire nuovi ristoranti e di crearsi la lista dei preferiti, ma anche di crearsi delle personalissime “wishrist” dei ristoranti da provare.

Per il momento è disponibile solo per iPhone, ma mi auguro presto di vederela anche su Android. Nel frattempo non ci resta che scaricarla ed iniziare a recensire e condividere con i nostri amici.

Per maggiori info: blog.theristapp.com

The Rist App

Rist, reinventa le recensioni dei ristoranti.

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

Braun presenta Italian Fusion

Italian fusion, un viaggio nel gusto. Food trip serie con protagonista lo chef Filippo La Mantia.

Si tratta di una serie pensata e studiata per il Web, sponsorizzata da Braun e prodotta da Shado.
Il celebre cuoco Filippo La Mantia viaggia, in sella alle sue moto, alla ricerca delle tradizioni gastronomiche delle differenti regioni italiane.

Un tour durante il quale vengono scoperte le bellezze paesaggistiche, le migliori materie prime. Ci sono inoltre gli incontri con la gente del luogo per carpire i loro segreti in cucina o per scoprire tramite la loro voce diretta abitudini ed usanze locali.

In ogni puntata, Filippo La Mantia dà consigli e cucina utilizzando gli ingredienti caratteristici dei luoghi visitati, rielaborati e mixati grazie all’uso del Minipimer Braun Multiquick 9, il primo al mondo con ACTIVEBlade Technology (tecnologia che riduce lo sforzo al minimo facendo oscillare
verticalmente le lame quando incontrano un ostacolo).

Sul sito sono presenti le prime 3 puntante dove sono state visitate:

  1. San Vito lo Capo (Sicilia).
  2. Trezzano sul Naviglio (Lombardia).
  3. Peschiera del Garda (Veneto)

Per seguire le puntate andate su italianfusion.it

Italian Fusion

 

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook

San Daniele aiuta Norcia

San Daniele aiuta Norcia,  fonte: food24.ilsole24ore.com

Il 30 Ottobre Norcia è stata colpita dal terremoto, che oltre a migliaia di sfollati ha provato gravissimi danni all’arte e all’economia dell’appennino Umbro.

A Norcia e nei paesi limitrofi si produce il famoso prosciutto crudo IGP di Norcia (indicazione geografica protetta). Il Friuli, che ben conosce le conseguenze di un terremoto,  ha deciso di aiutare le aziende colpite accogliendo nelle aziende di produzione del prosciutto crudo San Daniele circa 60 mila coscie del prosciutto di Norcia.

Per effettuare l’operazione, trattandosi di IGP, è stato fatto un decreto dal ministero delle politiche agricole per modificare temporaneamente il disciplinare del prosciutto di Norcia. Sol dopo l’approvazione ministeriale le coscie potranno essere spostate dall’appennino Umbro al Friuli.

Tanto di cappello al grande cuore dei Friulani.

Photo credit: Lorenzo L M. via Foter.com / CC BY-NC-ND

Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on Facebook